Storia del Cristianesimo e sfide della ricerca

Qual è il ruolo della Storia del Cristianesimo nell’università, di fronte alle sfide del pluralismo e alle dinamiche identitarie del nostro tempo? Cosa può fare emergere, alla luce di eventi e memorie, una analisi storico religiosa dei percorsi seguiti nei secoli dalla società europea? A partire da queste domande il 16 e il 17 marzo alla Pontificia Università Lateranense si tiene il convegno internazionale“Misericordia, riconciliazione, società. Storia del Cristianesimo e studi storico religiosi: percorsi e approfondimenti”, promosso dall’Ufficio per la Pastorale Universitaria diocesana e dalla Consulta Universitaria di Storia del Cristianesimo e delle Chiese.

Dopo i saluti del vescovo ausiliare Lorenzo Leuzzi, delegato per Pastorale Universitaria del Vicariato di Roma, del vescovo monsignor Enrico dal Covolo, rettore della Pontificia Università Lateranese, e di Gaetano Lettieri, presidente della CUSCC, la prima sessione avrà un carattere sarà dedicata alla specificità della storia del Cristianesimo nel suo rapporto con le scienze religiose, conle scienze sociali e cognitive, con le teologie della storia, con gli approcci di genere e gli sguardi femminili.

Il tema della misericordia, come oggetto di studio storico, sarà affrontato nella seconda giornata dei lavori, dedicata a evidenziare il rapporto fra cristianesimo e società nelle diverse epoche, grazie a riscontri su eventi e contesti.

Il valore della misericordia nel mondo pagano greco-romano, la definizione di una teologia morale cristiana nei testi dei Padri della Chiesa, l’esperienza di Francesco e del Francescanesimo, i percorsi medievali di penitenza legati alla creazione di lebbrosari e ospizi, le forme della pace nelle lotte fra città e stati all’inizio dell’età moderna sono alcuni dei temi trattati in relazione con le grandi trasformazioni della società europea.

L’esame di aspetti giuridici e canonistici e di relazioni istituzionali toccherà alcuni problemi aperti: il tema della misericordia nel magistero di papa Roncalli; il ruolo della Santa  Sede nella seconda guerra mondiale, tra denunce, silenzi e opere assistenziali; grazia, amnistia e indulto nella progettazione costituzionale italiana ed europea nel secondo Dopoguerra; la Chiesa del Vaticano II da Giovanni XXIII a Francesco.

Il convegno è rivolto a studiosi e ricercatori, agli appassionati di storia e storia del cristianesimo. La frequenza è valida come attività di aggiornamento per gli insegnanti.

 

I commenti sono chiusi.